Itinerari turistici tra i beni culturali e ambientali dell’Area Vestina

cortile palazzo De Rosa

La giornata è iniziata con un incontro di formazione presso l’agenzia di viaggi “Wolftour” – azienda madrina del progetto di Alternanza Scuola Lavoro in cui le classi sono coinvolte – ed è proseguita con la visita della città.Il 31 ottobre 2018 le classi 3 A, 4 A e 4 B turismo dell’IIS E. Alessandrini di Montesilvano, con i proff. M. Della Valle, M. C. Galeazzi , V. Luciani , M. Marchegiani e A. Pompei – accompagnate dalla dott.ssa Norma D’Ercole - hanno percorso un breve itinerario nell’antica città di Penne, visitando le zone più significative dell’antica capitale “Vestina”.

Sala consigliare Penne

L’itinerario, dall’antica porta di S. Francesco (dove sono evidenti le antiche mura ed edifici medioevali) verso il palazzo Castiglione e palazzo De Rosa (dall’antica famiglia Farnese), ha toccato la chiesa di san Giovanni Battista, la chiesa della “Santissima Annunziata” e la casa natale del magistrato Emilio Alessandrini per concludersi in piazza Grande (piazza Luca Da Penne ), nel Municipio dove gli studenti sono stati accolti dall’assessore all’istruzione Nunzio Campitelli.

Ha completato la giornata di studio la visione di antichi documenti - provenienti dall’archivio storico del comune di Penne - illustrati e commentati dalla dott.ssa Annalisa Massimi, come il codice “Catena” (tutto in pergamena) dove sono scritte le antiche leggi dell’Universitas di Penne, i Commentari di Luca Da Penne agli ultimi tre libri del Codice “Giustinianeo” (ed. veneziana del 1517), il Codice “Salconio”, la pergamena di Carlo V e antichi volumi catastali dal 500 al periodo Napoleonico.

Codice Catena